lunedì, aprile 30, 2007

Cosa spero di pubblicare prossimamente

Sto lavorando per mettere un bootsplash in Debian Etch in modo da renderla più sexy :)

Visto che non ne posso più ne di compiz ne di beryl - ho una ati :( - ho intenzione di installare metisse sempre in Debian Etch. A mio avviso è molto più utile ed usabile di compiz e beryl.

Continuo inoltre a partecipare allo sviluppo di Kerneler e presto avrete notizie anche su di lui e sulle sue nuove caratteristiche.

Ho scritto inoltre delle interessanti funzioni javascript per l'approssimazione e l'italianizzazione (intesa a livello di formattazione) di numeri inseriti in dei form html.

Ho creato anche una specie di "format" in php, javascript e soprattutto xajax per manipolare (inserire, modificare, cancellare e riordinare) dati all'interno di tabelle i cui dati sono archiviati all'interno di un database mysql. Spero di postare presto qualche esempio di utilizzo.

Naturalmente vi terrò informati anche sull'andamento dello sviluppo di kde4.


Poi vorrei chiedere ai miei lettori sempre relativamente a Linux e Debian:
Di cosa volete che io vi parli?
A cosa siete particolarmente interessati?


Scrivetelo nei commenti.
Cercherò di fare tutto il possibile per accontentarvi, anche se queste belle giornate di sole ed i vari "ponti" e "controponti" (25 aprile e 1 maggio) mi stanno portando via molto tempo :)

Leggi il resto ...

Linux 2.6.21.1 e 2.6.20.10

Gli annunci ufficiali pubblicati sulla mailing list del kernel.
Quello del 2.6.21.1

We (the -stable team) are announcing the release of the 2.6.21.1 kernel.
This release has two bugfixes for networking issues that should cause all users of ipv4 or ipv6 to upgrade to this version.

I'll also be replying to this message with a copy of the patch between 2.6.21 and 2.6.21.1

The updated 2.6.21.y git tree can be found at:
git://git.kernel.org/pub/scm/linux/kernel/git/stable/linux-2.6.21.y.git
and can be browsed at the normal kernel.org git web browser:
www.kernel.org/git/

thanks,

greg k-h

--------
Makefile | 2 +-
net/ipv4/fib_frontend.c | 4 ++++
net/ipv6/exthdrs.c | 1 +
3 files changed, 6 insertions(+), 1 deletion(-)

Summary of changes from v2.6.21 to v2.6.21.1
============================================

Greg Kroah-Hartman (1):
Linux 2.6.21.1

Sergey Vlasov (1):
IPV4: Fix OOPS'er added to netlink fib.

YOSHIFUJI Hideaki (1):
IPV6: Fix for RT0 header ipv6 change.


e quello per il 2.6.20.10:
We (the -stable team) are announcing the release of the 2.6.20.10 kernel.
This release has two bugfixes that fix the fixes that were in 2.6.20.8 and 2.6.20.9. We are sorry for the constant stream of releases, but these are security issues and as such, sometimes it is better to err on the side of quicker updates rather than an expanded window of vulnerability.

Many thanks go out to the networking kernel developers who resolved these issues faster than seemed imaginable.

Anyone who uses ipv4 or ipv6 and a 2.6.20 based kernel release is strongly encouraged to upgrade.

I'll also be replying to this message with a copy of the patch between 2.6.20.9 and 2.6.20.10.

The updated 2.6.20.y git tree can be found at:
git://git.kernel.org/pub/scm/linux/kernel/git/stable/linux-2.6.20.y.git
and can be browsed at the normal kernel.org git web browser:
www.kernel.org/git/

thanks,

greg k-h

--------
Makefile | 2 +-
net/ipv4/fib_frontend.c | 4 ++++
net/ipv6/exthdrs.c | 1 +
3 files changed, 6 insertions(+), 1 deletion(-)

Summary of changes from v2.6.20.9 to v2.6.20.10
===============================================

Greg Kroah-Hartman (1):
Linux 2.6.20.10

Sergey Vlasov (1):
IPV4: Fix OOPS'er added to netlink fib.

YOSHIFUJI Hideaki (1):
IPV6: Fix for RT0 header ipv6 change.


Leggi il resto ...

giovedì, aprile 26, 2007

21 anni esatti dalla catastrofe di Chernobyl => Linux 2.6.21

Nella mailing list del kernel in risposta all'annuncio ufficiale del rilascio del kernel Linux 2.6.21 "qualcuno" ci ricorda che questo rilascio è avvenuto esattamente a 21 anni dal disastro di Chernobyl:

Today, 26 april, is the *21*'th anniversary of nuclear explosion at Chernobyl's station (ex USSR).
And linux 2.6.*21* is released. Nice!

L'avranno fatto apposta o è pura coincidenza?
Comunque speriamo porti bene! :)

Ecco la descrizione dei cambiamenti in formato "umano":
http://kernelnewbies.org/LinuxChanges

Per il download:
http://kernel.org

P.S.
E' uscito anche un'altra release di mantenimento del ramo 2.6.20 => la 2.6.20.9 che corregge un problema sull'ipv6.
Leggi il resto ...

Rilasciato il kernel Linux 2.6.20.8

Include "solamente" una correzione.
Ecco l'annuncio di Greg K.H. sulla mailing list ufficiale.


We (the -stable team) are announcing the release of the 2.6.20.8 kernel.
This release has a security bugfix so any users of kernels older than 2.6.20.7 are highly encouraged to upgrade as soon as possible.

The diffstat and short summary of the fixes are below.

I'll also be replying to this message with a copy of the patch between 2.6.20.7 and 2.6.20.8.

The updated 2.6.20.y git tree can be found at:
git://git.kernel.org/pub/scm/linux/kernel/git/stable/linux-2.6.20.y.git
and can be browsed at the normal kernel.org git web browser:
www.kernel.org/git/

thanks,

greg k-h

--------
Makefile | 2 +-
net/ipv4/fib_frontend.c | 8 +++++++-
2 files changed, 8 insertions(+), 2 deletions(-)


Summary of changes from v2.6.20.7 to v2.6.20.8
==============================================

Alexey Kuznetsov (1):
NETLINK: Infinite recursion in netlink.

Greg Kroah-Hartman (1):
Linux 2.6.20.8


Leggi il resto ...

Drivere ipw3945 per kernel ricompilati in Debian Etch


Per la felicità di tutti i possessori di notebook con scheda wireless Intel PRO/Wireless 3945ABG, nei pacchetti di Debian Etch è già incluso tutto quanto necessario per farla funzionare al meglio.

Nel dettaglio i pacchetti necessari da installare sono:
firmware-ipw3945 => Firmware binario per la IPW3945
ipw3945-modules-2.6.18-4-686 => Modulo per il kernel Linux 2.6.18 (su processori Pentium Pro/Celeron/Pentium II/Pentium III/Pentium 4) per la Intel PRO/Wireless 3945ABG (nome del modulo: ipw3945)
ipw3945d => Demone binario che agisce nello userspace per il controllo e la configurazione (a livello hardware) della scheda Intel PRO/Wireless 3945ABG
ipw3945-source => Sorgenti dei driver per la Intel PRO/Wireless 3945ABG (ipw3945)
sudo apt-get install firmware-ipw3945 \
ipw3945-modules-2.6.18-4-686 ipw3945d

Per chi come me, usa un kernel ricompilato, per usare la scheda wireless IPW3945 deve necessariamente ricompilare anche il modulo per il kernel. Questo perchè esso, per ora, non è incluso nel kernel (probabilmente lo sarà dal kernel 2.6.23).

Per ricompilare il modulo ipw3945 in Debian Etch si possono seguire due strade che dipendono dal kernel utilizzato.


Procedura alla debian way => non compatibili con i kernel del ramo 2.6.20

Il tutto si può eseguire facilmente con module-assistant visto che Debian Etch include anche il pacchetto con i sorgenti del modulo.
su -

apt-get install ipw3945-source

m-a prepare -t
m-a update -t
m-a -t build ipw3945
m-a -t install ipw3945

depmod -a
modprobe ipw3945

Per i kernel particolarmente datati (ma comunque maggiori della versione 2.6.13) potrebbe essere necessario anche ricompilare il modulo ieee80211.


Procedura compilando i sorgenti => valida per nuovi kernel del ramo 2.6.20

Il pacchetto con i sorgenti incluso in Debian Etch (ipw3945-source) sono di una versione non compatibile con i kernel del ramo 2.6.20.
Occorre quindi utilizzare l'ultima versione disponibile.
wget http://switch.dl.sourceforge.net/sourceforge/ipw3945/ipw3945-1.2.0.tgz

tar xzf ipw3945-1.2.0.tgz

cd ipw3945-1.2.0

make
sudo make install

sudo depmod -a
sudo modprobe ipw3945

Se il vostro utente non è configurato per usare

sudo
, o lo abilitate (scelta da me consigliata), oppure lo sostituite sudo con
su -c
.


Buon wireless a tutti!

Leggi il resto ...

martedì, aprile 24, 2007

Installare i driver Ati 8.36.5 su Debian Etch

La AMD/Ati ha finalmente applicato la patch per far funzionare i suoi driver proprietari con i kernel del ramo 2.6.20 negli ultimi driver Ati 8.36.5.
=> UPDATE: funziona anche con i kernel del ramo 2.6.21!
Si è però dimenticata di correggere quel piccolo errore da me già segnalato che fa fallire la creazione del pacchetto fglrx-amdcccle contenente l'ATI Catalyst Control Center Linux Edition.

Ripropongo la mia guida per l'installazione dei driver ati per Debian Etch in una versione semplificata.

Se il vostro utente non è configurato per usare

sudo
, o lo abilitate (scelta da me consigliata), oppure lo sostituite con
su -c
.

Ora aprite una console ed incollateci i comandi seguenti.

cd

mkdir driver-ati && cd driver-ati

wget https://a248.e.akamai.net/f/674/9206/0/www2.ati.com/drivers/linux/ati-driver-installer-8.36.5-x86.x86_64.run

sh ati-driver-installer-8.36.5-x86.x86_64.run --extract 8.36.5

cd 8.36.5/packages/Debian/dists/etch

cp rules rules.orig

sed s/fglrx-control/fglrx-amdcccle/ rules.orig > rules

cd ../../../..

sh ati-installer.sh 8.36.5 --buildpkg Debian/etch

cd ..

sudo dpkg -i fglrx-*8.36.5*.deb

sudo m-a prepare
sudo m-a update
sudo m-a build fglrx
sudo m-a install fglrx
sudo depmod -a

sudo aticonfig --initial
sudo aticonfig --overlay-type=Xv

Infine inserire alla fine del file sudo gedit /etc/X11/xorg.conf le righe:
Section "Extensions"
Option "Composite" "0"
EndSection

Ora bisogna riavviare.
Se da terminale il comando fglrxinfo vi mostra qualcosa di simile ha:
display: :0.0 screen: 0
OpenGL vendor string: ATI Technologies Inc.
OpenGL renderer string: MOBILITY RADEON XXX
OpenGL version string: XXX

Significa che è andato tutto ok!

Se la vostra scheda video è una Radeon Mobility dovete decommentare (togliere il carattere "#" all'inizio della riga) nel file /etc/default/fglrx la riga:
FGLRX_ACPI_SWITCH_POWERSTATES=true

Inoltre se compilando il modulo ottenete questo errore:

FATAL: modpost: GPL-incompatible module fglrx.ko uses GPL-only symbol 'paravirt_ops'
make[2]: *** [__modpost] Error 1
make[1]: *** [modules] Error 2
make[1]: Leaving directory `/usr/src/linux-headers-2.6.20-1-686'
make: *** [build] Error 2
BUILD FAILED!

potete risolvere seguendo le indicazioni che niente popo dimeno che Mr. Alan Cox ha dato sulla mailing list ufficiale del kernel linux:
- Turn off the paravirt option - you don't need it, and its just bloat
and slows down the kernel. Then rebuild the kernel and other bits and it
should all work fine.

In pratica dovete ricompilare il kernel togliendo dal config l'opzione CONFIG_PARAVIRT.
In realtà esiste anche una patch, ma non mi piace, e quindi ... non la posto :)

=> UDPDATE: per installarlo in Debian Sid leggete i commenti.

Leggi il resto ...

domenica, aprile 22, 2007

Backup incrementale con Rsync e Crontab

Ho ho modificato e migliorato uno script trovato in rete (ho perso la fonte ... fonte originale) per l'esecuzione di backup incrementali dei nostri preziosissimi dati.

Questo script permette di archiviare un determinato numero di backup in relativamente molto poco spazio.

Inoltre questo metodo di esecuzione dei backup si è rilevato estremamente veloce.

La chiave di tutto è l'uso del comando "cp" con l'opzione "-l" (che esegue collegamenti fisici => "hard link" piuttosto che copie dei file) con cui copio l'ultimo backup che viene sincronizzato con le ultime modifiche con "rsync".

Per ulteriori dettagli vi rimando allo script stesso:
#!/bin/bash

# ========== CONFIGURATION ============
# directory dove appoggiare i backup
DIR_BKP="/mnt/backup1"
# file con i pattern da escludere dal backup
EXCLUDES="/usr/local/etc/backup_dati_exclude"
# nr di giorni da consevare
NDAY=14
# prefisso della directory del backup
PRE="backup_dati"
# directory da backuppare
TARGET="/home"
# ====================================

# ====================================
echo "=> Fase 1 ($(date '+%d-%m-%Y %H:%M')): Cambio \
permessi e rimozione del backup piu' vecchio <="
# cambio permessi
chmod -R 700 "$DIR_BKP/$PRE.*"

# Viene eseguita solo alla prima esecuzione
if [ -e "$DIR_BKP/$PRE.0" ]; then
echo "*"
else
echo "Prima esecuzione !!!"
mkdir "$DIR_BKP/$PRE.0"
fi;

# rimozione del backup più vecchio
if [ -d "$DIR_BKP/$PRE.$NDAY" ] ; then
echo " rm -rf $DIR_BKP/$PRE.$NDAY"
rm -rf "$DIR_BKP/$PRE.$NDAY"
fi

# ====================================
echo "=> Fase 2 ($(date '+%d-%m-%Y %H:%M')): Shifto \
di una unita' i backup esistenti <="

while [ $NDAY -gt 1 ]; do
NDAY2=$(($NDAY-1))

if [ -d "$DIR_BKP/$PRE.$NDAY2" ] ; then
echo " mv $PRE.$NDAY2 $PRE.$NDAY"
mv "$DIR_BKP/$PRE.$NDAY2 $DIR_BKP/$PRE.$NDAY"
fi;

NDAY=$NDAY2;
done

# ====================================
echo "=> Fase 3 ($(date '+%d-%m-%Y %H:%M')): Creo \
hard link del backup piu' recente <="

if [ -d "$DIR_BKP/$PRE.0" ] ; then
echo "cp -al $PRE.0 $PRE.1"
cp -al "$DIR_BKP/$PRE.0 $DIR_BKP/$PRE.1"
fi;

# ====================================
echo "=> Fase 4 ($(date '+%d-%m-%Y %H:%M')): Eseguo \
il backup <="
# Verifica se c'è il file per le esclusioni
if [ -r $EXCLUDES ] ; then
EXCL="--delete-excluded --exclude-from=$EXCLUDES"
else
EXCL=""
fi;

#Comando di backup
rsync -av --delete $EXCL $TARGET "$DIR_BKP/$PRE.0"

echo "=> Fase 5 ($(date '+%d-%m-%Y %H:%M')): Cambio \
i permesi in sola lettura <="
chmod -R 500 "$DIR_BKP/$PRE.*"

# Aggiornamento della data della cartella dell'ultimo
# backup per riflettere la data e l'ora del backup
# FORSE NON SERVE !!!
touch "$DIR_BKP/$PRE.0"

# ====================================
echo "=> FINE ($(date '+%d-%m-%Y %H:%M')) <="


Per automatizzare il l'esecuzione del backup ad intervalli specifici si può usare crontab.
Ad esempio per eseguire il backup alle ore 23:00 ogni giorno dal Lunedì al Venerdì basta eseguire:
sudo crontab -e
ed aggiungere in un'unica riga questo:

0 23 * * 1-5 /usr/local/sbin/backup.sh |
mail mail@xyz.it -s
"Backup del $(/bin/date '+\%d-\%m-\%Y \%H:\%M')"


Spero possa essere utile a qualcuno.
Ciao e alla prossima.

Leggi il resto ...

sabato, aprile 21, 2007

Dolphin => il nuovo file manager di KDE 4

Una delle più grandi novità di KDE 4 è Dolphin, il nuovo file manager che pian pianino andra a sostituire Konqueror.
Dolphin rispetto Konqueror risulta molto più "pulito" e minimalista. Questo però non ha pregiudicato le funzionalità, anche perchè queste in pratica sono aumentate :)
Di default Dolphin si presenta con una classica barra dei menù, una barra degli strumenti con pochissimi pulsanti, una piccola barra di navigazione (quella con il percorso), ed un semplice pannello sul lato sinistro con 4 collegamenti veloci: alla propria cartella Home, alle risorse di rete, alla directory di Root e per ultimo al cestino.
Oltre alla vista ad icone ed alla vista dettagliata, si è aggiunta, presa in prestito dal Mac OSX, la vista a colonne.


Sono comunque disponibili altri 2 pannelli: un pannello con le informazioni sui file, ed un pannello con le cartelle visualizzate ad albero.


Ecco la massima "pomposità" di Dolphin! Ho aggiunto anche qualche pulsante!
I file vengono visualizzati ad icone grandi con l'anteprima. Oltre il nome del file ho aggiunto la visualizzazione delle loro dimensioni.


Ora vi mostro invece la visualizzazione dei file dettagliata con le possibili opzioni che si hanno cliccando su di un file con il tasto destro del mouse.
Non posso mostrarvi le proprietà perchè ancora non funziona.


Qua invece tutte le possibili opzione del menù "View".
Si può notare come è possibile editare la barra di navigazione per inserire un percorso a mano.


Questa è la finestra dove poter configurare le scorciatoie con la tastiera.


Questa è invece la finestra dove poter aggiungere o rimuovere pulsanti alla barra degli strumenti.


Le preferenze generali di Dolphin.


Le preferenze generali delle viste di Dolphin.


Le preferenze della vista ad icone.


Le preferenze sulle dimensioni delle icone per nella vista ad icone.


Le preferenze della vista dettagliata.


Le preferenze della vista a colonne.



Potrei ancora parlarvi a lungo dei suoi difetti e bug, ma è ancora presto per questo, ed inoltre sono sicuro che la versione finale sarà perfetta!

W Dolphin! :)

Leggi il resto ...

giovedì, aprile 19, 2007

La mia esperienza con la 3 e con il loro servizio clienti

Vi racconto la mia esperienza con la 3 e con il loro servizio clienti.

Nella descrizione dell'offerta dati Naviga 3 è riportato semplicemente che si hanno 50MB di traffico al giorno, e noi tutti sappiamo che un giorno inizia alle ore 00:00 e finisce alle ore 24:00.

Ma come già ho avuto modo di trattare (qui e anche qui) nella descrizione di Naviga 3 viene omesso che iniziando la sessione internet a cavallo della mezzanotte, i dati scaricati sono conteggiati nella soglia del giorno in cui viene iniziato il collegamento, e che per poter beneficiare della soglia del giorno successivo e' necessario interrompere il collegamento dopo le 24:00 e iniziare una nuova sessione.

Ignaro del reale metodo di conteggio del traffico, il giorno 12/04/2007 alle ore 21:37 mi connetto ad internet, interrompendo la sessione alle ore 03:47 del giorno 13/04/2007. Il traffico generato ammonta a 61,8MB, ed è stato interamente imputato alla soglia restante del giorno 12/04/2007 facendomi così superare i fatidici 50MB.
Mi ritrovo così con 12 euro in meno nel credito, che anche se non sono molti, mi sono stati tolti ingiustamente.

Mi sono rivolto così al servizio clienti:

Questa è la prima richiesta che ho inviato il 13/04/2007 tramite il form sul sito al servizio clienti:

Nella giornata di oggi mi sono stati scalati dal credito circa 11,00 euro.
Nella pagina dell'Area Clienti 133 del vostro sito internet, consultando l'Info Costi non c'è alcun addebito di tale importo.

Ho sottoscritto circa una settimana fa' l'offerta dati "naviga tre" per navigare in internet.
Ieri mi sono connesso da circa le ore 21:30 a circa le ore 3:30 di oggi.
Dopo la mezzanotte non mi è stato più possibile consultare la soglia dall'Info Costi sul sito, perchè momentaneamente non disponibile.
Stamattina, consultando le soglie noto che ho ancora tutti i 50MB disponibili anche se in realtà una parte li ho già consumati dalle ore 00:00 alle ore 3:30 circa di oggi.

Credo si tratti di un Vostro errore e desidero quindi essere rimborsato.

Nell'eventualità che non si tratti di un errore, gradirei essere informato sul perchè di questo addebito.


Questa la risposta di Giuditta del servizio clienti arrivatami alla fine del giorno 15/04/2007:

Gentile Sig. XXX,

in merito alla sua richiesta le comunichiamo che per poter effettuare controlli piu' accurati sull'errata tariffazione della navigazione avvenuta con l'opzione Naviga 3 e' necessario inviare una e-mail a servizioclienti@tre.it allegando i files di log del programma reperibili nella cartella di installazione su PC (es. c:\program files\3\fastmobilemodem) e denominati "eventmmm.log" e "tracemmm.log".

Siamo a disposizione per eventuali comunicazioni al numero 133 o all'indirizzo e-mail ServizioClienti@tre.it

Grazie per averci contattato!

Giuditta
Servizio Clienti 3

www.tre.it


Gia iniziano i problemi perchè io non utilizzo Winzoz ma mi connetto da Linux.
Comunque avevo i logs di kppp e glie li ho inviati il 16/04/2007 spiegando tutto di nuovo:

In riferimento al: TRACKING NUMBER: XXXXXXXXXXXX-XXXXXXXXXXX ed alla Vostra risposta del 15/04/2007 delle ore 22:00

Il vostro programma di connessione "Fast Mobile Modem" non supporta il sistema operativo Linux con il quale io mi connetto.
Riesco comunque (come moltissimi altri Vostri clienti che usano Linux) a connettermi con i vostri servizi impostando manualmente i parametri per la connessione.
Comunque io monitorizzo le mie connessioni e vi invio in allegato il file con i log.

Analizzandolo appare chiaro che tutto il traffico effettuato durante la connessione avuta dalle ore 21:37 del 12/04/2007 alle ore 03:47 del giorno 13/04/2007 (per un ammontare di 61,8MB ai quali va sommato anche il traffico precedentemente generato nel giorno 12/04/2007) sia stato interamente imputato al giorno 12/04/2007 facendomi così superare la soglia dei 50MB.

Nei giorni 13-14-15 (quest'ultimo in parte perchè poi l'Info Costi ha smesso di funzionare) del mese di aprile dell'anno 2007 consultando il Dettaglio Costi disponibile nella pagina Info Costi del sito www.tre.it nella riga riguardante la connessione sopra descritta non erano presenti costi addebitati ed il traffico generato era nettamente inferiore a 50MB. Stranamente questa mattina, verificando nuovamente l'Info Costi, sono riportati valori diversi da quelli dei giorni precedenti.

Ho verificato che il comportamento anomalo con cui conteggiate il traffico degli utenti avviene in maniera standard.
In pratica quando si effettua una connessione a cavallo fra due giorni, superata quindi la mezzanotte, la soglia non si azzera, ma prosegue con quella del giorno precedente.
Ora che conosco questo Vostro metodo per conteggiare il traffico dati, ne terrò conto.

Ma visto che tale metodo non è descritto e segnalato con la descrizione dell'offerta Naviga 3, chiedo nuovamente il rimborso totale dei 12,58103 euro che mi avete addebitato in quanto il giorno 12/04/2007 non ho superato la soglia dei 50MB giornalieri.

Vi consiglio inoltre di informare gli altri utenti che usano Naviga 3 (io ne sto conoscendo molti) del reale metodo con il quale conteggiate il traffico nelle connessioni a cavallo fra due giorni, visto che comunque continuo a considerare l'offerta Naviga 3 in maniera positiva.

In attesa di un vostro riscontro Vi porgo i miei più cordiali saluti.

Daniele


Mi risponde Antonio del servizio clienti semplicemente dicendomi che la 3 non garantisce per eventuali malfunzionamenti dell'opzione naviga 3 quando la stessa viene utilizzata con sistemi operativi ad essa non compatibili.
Non riporto il testo della email perchè in fondo a questa e a tutte le altre che mi hanno inviato, è riportata una dicitura che non mi autorizza a diffonderle.

Io comunque non mi arrendo e rispondo in maniera ferma e decisa:

Mi dispiace comunicarvi che non mi state affatto aiutando.

Io non mi sto' lamentando per malfunzionamenti del servizio "Naviga 3", e non ho bisogno della Vostra assistenza per quanto riguarda la connessione.

Chiedo semplicemente spiegazioni sul perchè ogni qual volta che eseguo una connessione a cavallo della mezzanotte il traffico effettuato dopo la mezzanotte viene conteggiato sempre nel giorno precedente indifferentemente se io usi per connettermi il vostro software o no, sia su Windows, Mac OSX o altri sistemi operativi.

Nella descrizione dell'offerta Naviga 3 http://www.tre.it/3foryou/Offertadati/index_6129_ITA_HTML.htm non è spiegato in alcun modo il fatto che per le connessioni effettuate a cavallo della mezzanotte il traffico effettuato dopo la mezzanotte viene conteggiato sempre nel giorno precedente.

Pertanto chiedo il rimborso dei 12,58103 euro che mi avete addebitato il giorno 12/04/2007 in quanto, Vi ripeto, non ho superato la soglia dei 50MB giornalieri ed il software ed il sistema operativo che uso non sono la causa del problema.

Facendo delle approfondite ricerche su internet ho scoperto che molti altri utenti sono stati vittima di questa vostra omissione di informazioni.
Il vostro comportamento oltre ad essere scorretto molto probabilmente non è legale.
Se questa vicenda non si risolverà al più presto non esiterò a rivolgermi alle associazioni per i diritti dei consumatori e a rendere pubblico l'accaduto.

In attesa di una Vostra risposta questa volta CONCRETA, Vi porgo i miei più cordiali saluti.

--
Daniele


Mi risponde questa volta Dora del servizio clienti ammettendo che iniziando la sessione internet a cavallo della mezzanotte, i dati scaricati sono conteggiati nella soglia del giorno in cui viene iniziato il collegamento, e che per poter beneficiare della soglia del giorno successivo e' necessario interrompere il collegamento dopo le 24:00 e iniziare una nuova sessione.
Non mi comunica però nulla sul rimborso che io ho richiesto.

Quindi rispondo a quella email con:

Vorrei sapere con precisione dove è indicato nella descrizione e nelle condizioni dell'offerta "Naviga 3" che: "iniziando la sessione internet a cavallo della mezzanotte, i dati scaricati sono conteggiati nella soglia del giorno in cui viene iniziato il collegamento".
Io, ho letto tutto con molta attenzione, e non ho trovato nulla al riguardo.

Questo non è un dettaglio da omettere agli utenti.

Visto che:
- Non sono stato informato preventivamente sul reale modo con cui viene conteggiato il traffico.
- Nella descrizione dell'offerta "Naviga 3" e diversamente indicato che con i 9,00 euro mensili si hanno 50 MB di traffico al giorno compresi, ed un giorno inizia alle ore 00:00 e finisce alle ore 24:00.

Chiedo che mi vengano restituiti i 12,58103 euro che mi avete scalato dal credito per il traffico eseguito in data 13/04/2007 dalla connessione iniziata il 12/04/2007 alle ore 21:30.

Cordiali Saluti

--
Daniele


Mi risponde Giovanna del servizio clienti restituendomi finalmente i miei soldi.

Sono soddisfatto? Assolutamente NO!

Questo perchè il rimborso mi viene concesso "in un'ottica di fidelizzazione del cliente", e non perchè ho ragione.

Il servizio clienti della 3 piuttosto che aiutare i loro clienti, li prende per i fondelli.

Spero di non dover mai più avere a che fare con il loro fantomatico servizio e con le loro sgradevoli risposte. Anche se per ora non cambierò gestore ...


Fate girare questa notizia!

Leggi il resto ...

Screenshot di KDE 4 al 18/04/2007

Bene, come promesso vi mostro alcuni screenshot dell'attuale (18/04/2007) stato di kde 4.
Premetto che ho installato solamente il cuore di kde4: le librerie qt, le kdelibs, le kdepimlibs e kdebase.
Questo perchè lo sviluppo ed il porting delle applicazioni da kde3 è ancora ad uno stato non maturo.

Dolphin => il nuovo file manager di kde4 nella visualizzazione ad icone.


Dolphin => con la visualizzazione (molto inspirata al finder di mac osx) a colonne.


Konqueror => ancora molto instabile ed incompleto ... se ne riparla fra un po'.


Ancora Konqueror => come sopra ...


Kde Control Center => ieri non funzionava, ma oggi dopo aver scaricato tramite svn gli ultimi aggiornamenti e ricomplilato il tutto, si è avviato. Ma ancora le voci sui menù funzionanti sono poche.


Kde Info Center => come sopra ...


Kwrite => finalemente qualcosa di funzionante (o quasi) con la nuovissima e fantastica funzione di ricerca in stile firefox.


Ksysguard => altra applicazione funzionante con un nuovo e bellissimo stile. Qui la vedete mentre sto ricompilando kde4 con gli ultimi aggiornamenti presi dal server svn.


Konsole => praticamente in sfondo in tutte le immagini sopra :)


Ho intenzione di scaricare ed installare settimanalmente gli aggiornamenti, quindi ... ricordate di venirmi a visitare!

Leggi il resto ...

mercoledì, aprile 18, 2007

Ho scaricato, compilato ed installato KDE 4

La scaletta di sviluppo di KDE 4 ha ritmi da capogiro. Io per primo stento a credere che in così poco tempo sia possibile creare praticamente la perfezione fatta software.
Giusto Dio può battere in velocità nel creare quei fenomeni che stanno sviluppando KDE 4 :)


Impaziente di vedere e provare le meraviglie di questo rivoluzionario desktop manager che ho fatto?
Semplice, ho scaricato i sorgenti dai server svn, li ho compilati ed installati.
Tutto è filato liscio come l'olio, senza i problemi impossibili che invece mi sarei aspettato.

In realtà per ora posso solo lanciare le singole applicazioni, perchè devo finire la configurazione.

Posto per ora solo uno screenshot di Dolphin il futuro file manager di KDE 4.


Se restate nei paraggi vi prometto che presto vi faro vedere altro.
UPDATE: promessa mantenuta!

Evito anche di indicare i problemi ed i difetti perchè sono più che consapevole che si tratta di una versione ancora in forte evoluzione, e che finora si è lavorato soprattutto all'architettura e alle librerie.

Per chiunque voglia cimentarsi nell'impresa, sono disponibili le ottime guide ufficiali create dagli stessi sviluppatori di KDE.
http://techbase.kde.org/Getting_Started/Build/KDE4
http://techbase.kde.org/Getting_Started/Set_up_KDE_4_for_development

Leggi il resto ...

martedì, aprile 17, 2007

Sono simpatico a Google :)

Ultimamente Google mi sta premiando!
Molti miei post hanno scalato alcune serp!


Alcuni esempi di ricerca:
impressioni adsense
Motorola e770
naviga 3
fglrx-amdcccle
ati 8.35.5
naviga 3 linux
kvm debian etch

Attualmente in molte di queste ricerche risulto PRIMO :)

Sono molto contento perchè questi risultati per me significano semplicemente che ho trattato argomenti, anche se tecnici, interessanti e poco trattati in rete.

Ho anche una piccola, ma per me importante, percentuale di visite dall'estero: Stati Uniti in testa.

Visto che Google mi sta portando moltissimi visitatori, spero che questa sua "simpatia" nei miei confronti sia duratura, e non passeggera!

Leggi il resto ...

domenica, aprile 15, 2007

Controllare la soglia di Naviga 3 con Linux

Come ho già scritto, l'offerta Naviga 3 ha un difetto: è difficile tenere sotto controllo la soglia dei 50MB.
Inoltre presenta un bug (che d'ora in poi chiamerò "bug della mezzanotte"): se si fa una connessione a cavallo fra due giorni, superata la mezzanotte la soglia non si azzera, ma prosegue con quella del giorno precedente.
Come non bastasse, in questi casi non c'è modo di conoscere la soglia rimasta perchè nel sito della tre la soglia si azzera.
Questo bug, mi è costato un po' (nel vero senso della parola) per scoprirlo, ma ora ho modo di usarlo a mio vantaggio!

UPDATE: dopo un lungo scambio di email con in servizio clienti, mi hanno RIMBORSATO! => ecco come quando dove e perchè.


Infatti ho scritto un piccolo script per la shell che conteggia il traffico effettuato è quando arrivo a 47MB mi avvisa e mi chiede se voglio disconnettermi.
Questo script tiene in considerazione il "bug della mezzanotte" e lo sfrutta!

Per installare il questo mio script basta creare un file

sudo kwrite /usr/local/bin/stat3.sh
con il seguente contenuto:
#!/bin/bash

LOG=$HOME/.naviga3.log
PPPSTATS="/usr/sbin/pppstats ppp0"
DATA=`date '+%d/%m/%Y'`

if [ -w $LOG -a `cat $LOG | cut -f1 -d' '` = $DATA ]; then
TRAFFICO_OLD=`cat $LOG | awk '{print $2}'`
fi

while :
do
TRAFFICO=$((TRAFFICO_OLD \
+ `$PPPSTATS | tail -n 1 | awk '{print $1}'` \
+ `$PPPSTATS | tail -n 1 | awk '{print $7}'`))

echo "$DATA $TRAFFICO" > $LOG

if [ $TRAFFICO -ge 49283072 ]; then
kdialog --warningyesno "ATTENZIONE! \n \
Hai consumato $((TRAFFICO / 1048576)) MB \
dei 50 MB disponibili. \
\n Vuoi interrompere?"

case $? in
0)
killall pppd
exit;;

1)
sleep 30;;
esac
fi

sleep 15
done

e dargli i permessi di esecuzione:
chmod +x /usr/local/bin/stat3.sh

Fatto questo basta dire a kppp di eseguire lo script appena connessi modificano le impostazioni.
Aprire quindi kppp è andare su "Configura...", poi selezionare l'account e premete "Modifica...".
Fato questo dovete scorrere le schede vero destra fino a raggiungere la scheda "Esegui" e scrivere su "Appena connesso" la stringa
/usr/local/bin/stat3.sh
.


Confermate e connettetevi.

Verrà creato nella vostra directory home un file di nome
.naviga3.log
dove ogni 15 secondi viene salvata la data in cui si è iniziata la connessione con il rispettivo traffico effettuato.

Se è la prima volta in giornata che vi connettete non dovete fare altro.
Ma se avete usato già parte del traffico, dovete cambiare nel file
.naviga3.log
presente nella vostra directory home il numero scritto dopo la data con il traffico effettuato in giornata espresso in byte. (MB x 1024 x 1024 = byte).

Lo script si autotermina appena ci si disconnette.

Se avete migliorie non esitate a dirle!

Leggi il resto ...

sabato, aprile 14, 2007

Impressioni su AdSense dopo pochi mesi di utilizzo

Successivamente all'apertura di questo blog a Novembre 2006 ho inserito al suo interno i banner di Google: il famosissimo AdSense.
In questa mia decisione è nata dalla voglia di verificare in prima persona le varie chiacchiere che si leggono in rete.


Sintetizzando, ecco le cose che ho da dire.

Per guadagnare grandi cifre (e non è il mio caso) sono necessari enormi quantità di visite. Con una poche pagine visualizzate al giorno si guadagna mensilmente pochi spiccioli.
Se vogliamo fare meglio è fondamentale aumentare gli accessi al proprio sito.
Nel caso di chi come me possiede un blog per avere molte visite è fondamentale che esso sia di "qualità". In particolare è importante postare regolarmente, trattare argomenti "ricercati", farsi trovare dai motori di ricerca, far conoscere il proprio blog e i propri post.

Avere i banner AdSense sulle pagine aiuta notevolmente l'indicizzazione da parte di Google. Alcuni dei miei post (questi in particolare) sono stati graditi dal "pubblico" di internet e hanno scavalcato molti concorrenti.
Questo mi ha convinto nonostante i pochi guadagni, a mantenere i banner. Google è un'ottimo modo per farsi conoscere, inoltre le visite stanno salendo e ho sempre la speranza che vadano alle stelle ...
Sono un sognatore ad occhi aperti :)

P.S. Non so se è un segno del destino, ma mentre scrivevo questo post il sito di AdSense era down ....

Leggi il resto ...

venerdì, aprile 13, 2007

Sudo anche con Debian ... :)

Definizione di sudo presa dalla pagina man:

"sudo allows a permitted user to execute a command as the superuser or another user, as specified in the sudoers file."

Traduzione:
"sudo consente agli utenti che hanno i permessi, di eseguire un comando come superuser (utente root) o un altro utente, come specificato nel file sudoers."


Io ho iniziato a conoscere ed usare sudo grazie ad ubuntu dove l'utente root è disabilitato per default.
Inizialmente, visto che strausavo l'utente root nella shell, ho odiato il non poter eseguire il mio "amato" su - .
Poi, pian piano, ho apprezzato il suo uso e ho iniziato ad usarlo anche in altre distribuzioni.
Apprezzo in particolare il fatto che mentre eseguo operazioni dal mio utente (tipo compilare un programma:
./configure && make
), posso in qualsiasi momento "suadare" (tipo per lanciare un bel
make install
).

Nella nuovissima Debian Etch installando sudo, questo non è configurato per essere usato dal propio utente.

Per attivarlo basta eseguire come utente root:
visudo
ed inserire in fondo al file la stringa:
daniele ALL=(ALL) ALL
sostituendo il vostro nome utente al posto di "daniele" che è il mio utente.

Ora siete anche voi liberi di sudare!

In pratica la sintassi per eseguire un comando come utente root è:
sudo comando-xyz --opzione_del_comando-xyz
Vi verrà chiesta una password che non è la password di root, ma la password del vostro utente.
Questa password rimane memorizzata per 5 minuti. Non dovete così ridigitarla ogni volta.

Se si ha nostalgia dell'amata schell di root basta dare questo comando:
sudo -s

Per eseguire comandi multipli come utente root invece bisogna dare:
sudo sh -c "comando_1; comando_2 && comando_3"
oppure:
su -c "comando_1; comando_2 && comando_3"

Quest'ultimo metodo può essere usato al posto di sudo nelle mie guide per debian.

Bene, ora è rimasto solamente da chiedersi, sudo è sicuro?
Semplicemente Si!

Se usato in maniera inteligiente, e disattivando l'utente root (
sudo passwd -l root
), chiunque voglia eseguire un comando da superuser non deve più semplicemente indovinare la password di root, ma deve indovinare sia la vostra password, sia il vostro nome utente.


Per approfondimenti:
l'Home Page di sudo
la documentazione dal wiki di Ubuntu
post su PollyCoke


Mi raccomando, appena sudato, copritevi! Altrimenti vi ammalate e non vi voglio sulla coscienza ...

Leggi il resto ...

giovedì, aprile 12, 2007

Aspettando Gimp 2.4

Gimp è uno dei miei programmi perferiti in assoluto. Anche se certamente non sono propenso alla grafica, mi capita spesso di usarlo con infinita soddisfazione.



Aspettando l'uscita della versione 2.4, ho voluto toccare con mano a che punto sono i lavori.
Ho compilato ed installato quindi l'ultima versione di sviluppo rilasciata, la 2.3.15 , sulla mia Debian Etch nella seguente maniera:

# Installo automaticamente tutte le dipendenze
# Con Debian sono già tutte pacchettizzate
apt-get build-dep gimp
# Per sicurezza guardare nel file INSTALL
# dentro ai sorgenti di gimp se avete
# tutte le librerie necessarie

wget ftp://ftp.gimp.org/pub/gimp/v2.3/gimp-2.3.15.tar.bz2

tar xjvf gimp-2.3.15.tar.bz2

cd gimp-2.3.15

./configure --prefix=/usr/local/gimp-2.3
make
sudo make install


Usando l'opzione prefix sono certo che il Gimp originale incluso in Debian non viene intaccato.

Poi ho creato un piccolo script di nome gimp-2.3 in /usr/local/bin (

sudo vim /usr/local/bin/gimp-2.3
) contenente:

#!/bin/sh

PATH=/usr/local/gimp-2.3/bin:$PATH
export PATH
LD_LIBRARY_PATH=/usr/local/gimp-2.3/lib
export LD_LIBRARY_PATH

/usr/local/gimp-2.3/bin/gimp-2.3 "$@"


Questo script serve per l'avvio di gimp con le giuste variabili impostate.

L'ho reso eseguibile:

sudo chmod +x /usr/local/bin/gimp-2.3

e per ultimo finalmente l'ho esegiuto:

gimp-2.3


Spicca subito la nuova grafica delle icone.


A parte questo, nelle preferenze è stata introdotta la "Gestione Colore".


Sono stati introdotti inoltre alcubi nuovi strumenti.
Uno di questi ("clona in prospettiva") mi ha consentito di realizzare questo effetto.


Un'altra importante ed utilissima modifica è stata eseguita per quanto riguarda le selezioni.
Ora, una volta fatto il rettangolo della selezione, avvicinandosi ai lati o agli angoli e trascinando, si può ridimensionare la selezione.


La versione da me testata si è rilevata abbastanza stabile. Credo che la userò molto profiquamente!


P.S. Per rimuoverlo è sufficiente cancellare la directory /usr/local/gimp-2.3

Leggi il resto ...

martedì, aprile 10, 2007

KVM => Come compilarlo e farlo funzionare in Debian

KVM (Kernel-based Virtual Machine) è la soluzione per la virtualizzazione hardware che utilizza le nuovissime estensioni per la virtualizzazione (Intel VT e AMD AMD-V). Esso consiste in dei moduli caricabili per il kernel Linux (kvm.ko e kvm-intel.ko o kvm-amd.ko) che si affiancano ad una versione modificata di QEMU.



KVM è interamente open source, ed è stato scelto (a discapito di Xen) da Linus Torvalds per essere integrato direttamente nel kernel Linux a partire dal ramo 2.6.20 , mentre può essere installato nei kernel del ramo 2.6.16 e successivi.

Per verificare se la propia (o propie) cpu possiede le estenzioni per la virtualizzazione il comando seguente
egrep '^flags.*(vmx|svm)' /proc/cpuinfo
deve avere come output qualcosa di simile a:

flags : fpu vme de pse tsc msr pae mce cx8 apic sep mtrr pge mca cmov pat pse36 clflush dts acpi mmx fxsr sse sse2 ss ht tm pbe nx lm constant_tsc pni monitor ds_cpl vmx est tm2 ssse3 cx16 xtpr lahf_lm
flags : fpu vme de pse tsc msr pae mce cx8 apic sep mtrr pge mca cmov pat pse36 clflush dts acpi mmx fxsr sse sse2 ss ht tm pbe nx lm constant_tsc pni monitor ds_cpl vmx est tm2 ssse3 cx16 xtpr lahf_lm

In questo caso vengono restituite due righe perchè si tratta di un processore dualcore, un Intel Core 2 Duo 7200.

Installazione del software necessario:
sudo apt-get install gcc-3.4 g++-3.4 uuid-dev \
zlib1g-dev libsdl1.2-dev libasound2-dev \
build-essential quilt debhelper autotools-dev \
nasm linux-headers-2.6

(per la compilazione di qemu è necessario gcc in versione 3.x)

Scaricare l'ultima verisione di kvm (al momento kvm-18) ad esempio sul Desktop, e scompattarlo, configurarlo, compilarlo ed installarlo.
http://sourceforge.net/project/showfiles.php?group_id=180599

cd
tar zxvf Desktop/kvm-3.tar.gz
cd kvm-3
./configure --prefix=/usr/local/kvm --qemu-cc="/usr/bin/gcc-3.4"
make
sudo make install


Per chi sta usando un kernel del ramo 2.6.20 bisogna mettere i moduli appena creati nel posto giusto:
sudo cp kernel/*.ko /lib/modules/$(uname -r)/kernel/drivers/kvm

Caricare i moduli appena installati:

sudo depmod -a
sudo modprobe kvm-intel
# oppure ovviamente
sudo modprobe kvm-amd


Ora se tutto è andato bene siamo pronti per l'uso di kvm!

Creiamo un disco immagine (io l'ho fatto di 800 Mb perchè ci installero DSL)
cd
/usr/local/kvm/bin/qemu-img create -f qcow vdisk.img 800MB


Installazione del sistema operativo.
sudo /usr/local/kvm/bin/qemu -hda vdisk.img -cdrom dsl-3.2.iso -boot d -m 384
Nel mio caso ho un'immagine iso "dsl-3.2.iso", altimenti se si ha un cd-rom basta mettere "/dev/cdrom".



Una volta finita l'installazione può essere eseguito con:
sudo /usr/local/kvm/bin/qemu -hda vdisk.img -boot c -m 384



Le mie impressioni d'uso sono veramente molto positive!
Rispetto la versione normale di "qemu" è decisamente molto più veloce.
Le applicazioni si avviano in un batter d'occhio!

Leggi il resto ...

domenica, aprile 08, 2007

Habemus ... Debian GNU/Linux 4.0 alias "etch"

Dopo 21 mesi di continuo sviluppo in data 08 Aprile 2007 (che guarda caso coincide con il giorno di Pasqua) per gentile grazia di Dio è stata finalmente rilasciata Debian GNU/Linux versione 4.0, alias Etch => la distribuzione definitiva!



Caratteristiche principali di questo nuovissimo gioiello:


  • Interfaccia grafica per installazione tradotto in 58 lingue;

  • Sistema di gestione dei pacchetti più sicuro ed efficiente;

  • Supporto ad una gamma di computer che va dai palmari ai super-computer per un totale di undici architetture: Sun SPARC (sparc), HP Alpha (alpha), Motorola/IBM PowerPC (powerpc), Intel IA-32 (i386) e IA-64 (ia64), HP PA-RISC (hppa), MIPS (mips, mipsel), ARM (arm), IBM S/390 (s390) e, novità introdotta con Debian GNU/Linux 4.0, AMD64 ed Intel EM64T (amd64);

  • Possibilità di installarla da diversi supporti come DVD e CD (anche multi architettura), dispositivi USB, dischetti oppure tramite rete;

  • Numerosi pacchetti software aggiornati: KDE 3.5, GNOME 2.14, Xfce 4.4, X.Org 7.1, OpenOffice.org 2.0.4a, GIMP 2.2.13, Iceweasel (una versione unbranded di Firefox 2.0.0.3), Icedove (una versione unbranded di Mozilla Thunderbird 1.5), Iceape (versione unbranded di Mozilla Seamonkey 1.0.8), PostgreSQL 8.1.8, MySQL 5.0.32, GNU Compiler Collection 4.1.1, Linux kernel versione 2.6.18, Apache 2.2.3, Samba 3.0.24, Python 2.4.4 e 2.5, Perl 5.8.8, PHP 4.4.4 e 5.2.0, Asterisk 1.2.13 e più di 18.000 pacchetti software pronti per l'uso;

  • Aggiornamento gestito in modo automatico dalla precedente versione, Debian GNU/Linux 3.1 alias Sarge;


Annuncio Ufficiale
Note di rilascio

Leggi il resto ...

Connettersi ad internet con un Motorola E770 su Linux

Purtroppo, abitando in una zona di campagna, non sono coperto da adsl.
Sono stato costretto così a lungo, per avere la connessione internet a casa, ad andare avanti con il 56k.
Quando ho acquistato l'ultimo portatile ho smesso di utilizzare internet a casa. Mi connettevo da lavoro nelle pause.

Visto che le speranze di avere un'adsl sono praticamente nulle (nei territori confinanti Recanati (MC), la mia città, sono addirittura scoperte da adsl anche alcune zone industriali), e che del 56k mi sono veramente stufato, ho deciso di provare con l'umts.
Quando questa tecnologia uscì ne fui veramente entusiasta! Poi però vedendo le prime tariffe dati sono tornato a disperare.

Da qualche mese però le cose sono migliorate, anche se ancora non esiste una vera e onesta tariffa flat.

Ha casa ho una buona copertura umts con Tim e Tre. L'umts Vodafone prende solo all'aperto.

La mia scelta è ricaduta sulla tariffa della Tre: "Naviga 3" per la spesa ridotta, 9,00 € al mese + 49,00 € per l'acquisto del cellulare umts: un Motorola E770 brandizzato Tre. Il traffico compreso di 50MB al giorno non è il massimo, mi accontento almeno di avere una buona velocità per navigare senza perdere tempo.



Per collegare il cellulare al pc uso il bluetooth che mi consente di tenere il cellulare vicino le finestre per aumentare il campo.

Questa guida è stata testata con un Motorola E770, ma dovrebbe funzionare con la maggior parte dei cellulari Motorola. (UPDATE: Ringrazio A. G. per aver segnalato la validità di questa guida anche per il Motorola RAZR MAXX V6).

Configurazione della connessione bluetooth
Installare il software necessario:
apt-get update
apt-get install bluez-utils kdebluetooth kppp


Abilitare sul cellulare il bluetooth: dal menù andare sul Strumenti => Bluetooth => Impostazioni => Stato = On, e da Strumenti => Bluetooth selezionare Trovami. Quest'ultima impostazione permetterà per 3 minuti ad altri dispositivi, nel nostro caso il pc, di vedere il cellulare.

Dopo di che si devono eseguire su di un terminale:
hcitool scan
Questo comando restituisce l'indirizzo dei dispositivi trovati, tra cui si spera anche il vostro cellulare.

Poi eseguire da utente root il comando:
rfcomm bind /dev/rfcomm0 xx:xx:xx:xx:xx:xx 1
sostituendo a xx:xx:xx:xx:xx:xx l'indirizzo del vostro cellulare.

Per evitare di rifarlo ogni volta è sufficiente decommentare ed impostare il file /etc/bluetooth/rfcomm.conf


Configurazione della connessione internet con KPPP

Con debian gli utenti normali possono usare kppp solamente se fanno parte del gruppo "dip".
Inoltre va decommentata la riga

noauth
sul file /etc/ppp/peers/kppp-options

Aprire KPPP, andare su "Configura...", se richiesto procedere con la "Configurazione Manuale" e creare un nuovo Account.



Nella scheda "Effettua chiamata" impostare su "Nome connessione:" "Tre" (o quello che volete) e poi aggiungere il numero di telefono *99***1#
Sulle altre schede lasciare le impostazioni di default e confermare.



Creare un nuovo modem e impostare su "Nome modem" "Motorola E770 bt" e come "Dispositivo modem" /dev/rfcomm0.



Poi dalla scheda Modem andare su "Comandi Modem..." e cambiare:
- Stringa di inizializzazione 1:
AT&F;+CGATT=0

- Stringa di inizializzazione 2:
AT+CGDCONT=1,"IP","naviga.tre.it"

- Stringa di chiamata:
ATD

Poi confermare.



Impostare come nome utente e password quello che volete e connettetevi.




La prima volta il cellulare non avrà il pc come dispositivo associato, vi chiederà quindi di inserire un pin (1234 va benissimo) che andrà reinserito nel pc.
Per evitare di farlo ogni volta è comodo sul cellulare impostare nei dispositivi associati il vostro pc con accesso automatico.


Problemi e future implementazioni
Per avere un sistema funzionale al massimo mi mancano due cose:
- il controllo del traffico residuo, (EDIT) tenendo conto del bug della mezza notte (vedi i commenti), con segnalazione di quando si sta per raggiungere la soglia dei 50MB, => RISOLTO
- impostazioni per evitare il rooming in gprs sulla rete tim visto che ha una tariffa diversa e costosissima: 2,00 € l'ora.


Credo di essere stato abbastanza chiaro. Ma se avete problemi non esitate a chiedermi aiuto.

Guida segnalata su: TuxMobil - Linux on Laptops, Notebooks, PDAs and Mobile Phones

Leggi il resto ...

martedì, aprile 03, 2007

[OT] INCREDIBILE! Google Maps intercetta un missile Cruise!

Missile cruise fotografato su Goggle Maps.
Quasi impossibile da credere! Eppure forse lo è!



Ma a cosa stanno giocando quei pazzi degli americani?

A chi ha il missile più lungo ...

Forse l'ipotesi più veritiera è quella di uno scherzo da parte di qualche simpaticone.

Aggiornamento: Guardando meglio si vede che è un aeroplano con le ali nere !!! Scusate !!!

Fonte originale: www.markmcb.com

Leggi il resto ...

Archivio di email SPAM

Segnalo un archivio di email spam utilissimo per istruire i filtri bayesiani del vostro software antispam come spamassassin.

http://untroubled.org/spam/

In passato c'era il favoloso ed insuperabile spamarchive.org dove erano archiviate tonnellate di spam. Questo però purtroppo ha chiuso i battenti.

Istruire regolarmente spamassassin è secondo la mia esperienza il modo migliore ed efficace per riuscire a filtrare tutto lo spam che ci arriva, ci sommerge e soprattutto ci fa perdere moltissimo tempo.

Leggi il resto ...

domenica, aprile 01, 2007

ATI Catalyst Control Center per Debian Etch

Con la versione 8.35.5 dei driver ati su Debian Etch fallisce la creazione del pacchetto fglrx-amdcccle che dovrebbe contenere il nuovissimo ATI Catalyst Control Center Linux Edition.

Sembra che la ragione di questo sia dovuta ad un banalissimo errore.
Qui di seguito una patch creata da me (non do alcuna garanzia ... ma se la usate sono contento) per la correzione dello stesso.


--- rules 2007-03-27 18:33:57.000000000 +0200
+++ rules 2007-04-01 15:54:09.000000000 +0200
@@ -56,7 +56,8 @@
PKG_driver := fglrx-driver
PKG_driver_dev := fglrx-driver-dev
PKG_kernel_src := fglrx-kernel-src
-PKG_control := fglrx-control
+#PKG_control := fglrx-control
+PKG_control := fglrx-amdcccle

build:
dh_testdir



Istruzioni per l'applicazione della patch e l'installazione:
Copiare la patch sopra riportata in un file di testo con nome "fglrx-8.35.5-for-debian-etch.patch" e salvarla nella stessa directory dove si trova l'ati-driver-installer.
Dopo di che esseguire:

sh ati-driver-installer-8.35.5-x86.x86_64.run --extract my_tmp

cd my_tmp/packages/Debian/dists/etch/

patch -p0 < ../../../../../fglrx-8.35.5-for-debian-etch.patch

cd ../../../..

sh ati-installer.sh -- --buildpkg Debian/etch

cd ..

Dopo di che da utente root (su -) eseguire:

dpkg -i *fglrx*.deb

# Qui già dovreste poter vedere l'Ati C.C.C. comparire nel
# vostro menù delle applicazioni

# Ora proseguiamo nella solita maniera per la creazione del
# modulo per il kernel e la configurazione del server x.org

m-a prepare
m-a update
m-a build fglrx
m-a install fglrx
depmod -a

aticonfig --initial
aticonfig --overlay-type=Xv


Un mio personale consiglio ad AMD/Ati piuttosto che sviluppare il Catalyst Control Center per Linux perchè non iniziate l'implementazione di AIGLX ?

Vi segnalo inoltre un mio post precedente che potrebbe aiutarvi se usate kernel della serie 2.6.20.* => Guida all'installazione dei driver ati 8.35.5 con kernel 2.6.20.* su Ubuntu e Debian

Ciao e alla prossima

Leggi il resto ...